Palazzo Comunale e Torrione

La facciata del palazzo Crisolini - Malatesta domina l’attuale Piazza Matteotti. Originariamente dotato di un prospetto sobrio con sei assi di finestre (le più grandi al piano nobile) e di un portale d’ingresso sormontato da un balcone, si presenta ora in un aspetto neogotico conferitogli dalle ricostruzioni che seguirono il disastroso terremoto del 1918.

Dalla metà dell’Ottocento è divenuto sede del Comune di Santa Sofia per volontà del gonfaloniere Conte Nicolò Gentili.

Il confronto fotografico tra presente e passato vi mostra i tanti cambiamenti dell’edificio. A risaltare maggiormente all’occhio è la perdita del torrione - loggiato che sormontava il palazzo, demolito a partire dal 1962 perché giudicato ormai compromesso nella sua stabilità.

Il loggiato, appesantito da innesti in calcestruzzo degli anni ‘20, poggiava su una più antica struttura a torre costituita da materiali incoerenti (ciottoli di fiume e laterizi) giudicata pericolante e incapace di sostenere il peso, compromessa anche da terremoti e recenti alluvioni.

Gallery

Collezione Fam. Greggi
Collezione Fam. Greggi
Collezione Fam. Greggi
Archivio Giovanni Valbonesi